Back to top

Il packaging è il biglietto da visita di un prodotto. Pertanto dovrà non solo riflettere i valori dell’azienda, ma anche renderla riconoscibile agli occhi del consumatore.

Di conseguenza, spesso e volentieri ci si pone la domanda: Come faccio a scegliere i colori per il packaging? Ecco una breve guida che ti aiuterà nella scoperta su quali colori utilizzare, e come sceglierli!

La scelta del materiale è il primo step. Dopodiché si passa al design e a quale colore utilizzare. L’azienda ha a sua disposizione due opzioni: può riprendere il colore originale del brand, in questo modo al cliente basterà osservare il prodotto sullo scaffale per capire di cosa si tratta e riconoscerlo, oppure seguire il trend del momento.

Qualsiasi sarà la scelta per cui deciderà di optare, l’azienda deve ricordarsi che per la riuscita della sua strategia di marketing, un ruolo fondamentale lo gioca la scelta del colore. La domanda che sorge spontanea è quindi: Come scegliere i colori per il packaging? Qui di seguito vi proponiamo alcuni strumenti che possono tornare utili in questa fase decisionale.

Picular: il motore di ricerca che aiuta a trovare il colore desiderato

Picular, come scegliere colori per packagings e grafiche

Se un’azienda non sa su quali colori orientarsi, un ottimo strumento è Picular.

Si tratta di un motore di ricerca molto utilizzato dai grafici, e nel settore tipografico, che aiuta a trovare il colore desiderato attraverso una semplice ricerca per parole chiave. È anche definito Google dei colori perché utilizza la ricerca di immagini di quest’ultimo. La sua particolarità consiste nel riuscire a soddisfare le richieste di un’ azienda che vuole sapere come scegliere i colori adatti per il suo packaging. Picular la aiuta individuando i 20 migliori risultati ottenuti inserendo la parola chiave nella barra delle ricerche. Selezionati da Google, questi si presentano sotto forma di piccoli mosaici, contenenti al loro interno l’anteprima dell’immagine da cui è stato estratto il colore. Ad ogni quadratino colorato sarà attribuito un codice di dieci cifre, che potrà essere copiato e salvato. In questo modo l’utente potrà utilizzarlo in un secondo momento.

Picular è sicuramente uno strumento innovativo e utilissimo, ma deve essere un supporto per il grafico e non sostituirsi alla sua creatività.

Analizzare il profilo del consumatore

Profilo del consumatore

 

Un altro strumento che aiuta a capire come scegliere i colori per il packaging è studiare il profilo del cliente. L’azienda dovrà quindi analizzare gli elementi che riguardano la sua sfera personale: sesso, età, gusti, appartenenza religiosa, ecc…. Con i dati ottenuti da questa analisi, l’azienda potrà dare vita ad un approccio personalizzato alla clientela. In questo modo creerà una vera e propria fidelizzazione con il suo target di riferimento. Avendone studiato i bisogni sarà in grado di adattarvisi e di ottimizzare l’interazione tra l’individuo e il prodotto.

Tener conto del contesto e della brand Identity del marchio

 

 

La percezione che un soggetto ha di un colore può cambiare a seconda del contesto in cui lo vede o dalla sua cultura. Il colore bianco, ad esempio, nella cultura occidentale è associato alla purezza. È per questo che viene spesso utilizzato nelle cerimonie religiose, come i matrimoni. In quella orientale, invece, viene associato alla morte.

Più complesso è invece il discorso legato alla brand Identity. Poiché il colore deve rappresentare e rispettare i valori e l’immagine di un’azienda, deve essere coerente con questi due elementi. È necessario che si rispetti questa armonia anche nel caso in cui un’azienda voglia utilizzare più colori insieme.

Puntare su colori che attirino l’attenzione

Il colore, soprattutto se vivace, attira l’attenzione visiva di un cliente e può spingerlo ad acquistare il prodotto di una determinata azienda piuttosto che quello della concorrenza. Un articolo di colore rosso, ad esempio, attirerà di più l’attenzione rispetto ad uno bianco.

Anche il grado di saturazione di un colore non va sottovalutato, perché influisce sulla percezione che il cliente ha della grandezza di un determinato oggetto.

Farsi guidare dal trend del momento

Come scegliere i colori adatti non avendo un’idea di partenza? Ogni anno il color-trend cambia, a seconda delle richieste del mercato. Pantone, l’azienda americana che si occupa di tecnologia per la grafica e cataloga i colori, lo sa bene. Da 20 anni elegge il “color of the year ”, ovvero quello che andrà di moda per tutto l’anno. Dopo aver visto come scegliere i colori per il packaging, qui di seguito vi elenchiamo quelli più utilizzati nel 2020:

  • bianco e nero. Un grande classico che non tramonta mai e spesso adottato dalle grandi aziende che operano nel settore del lusso. Il motivo? Perché questo accostamento, nella sua semplicità, appare al cliente elegante e sofisticato;
  • colori neutri e pastello. Essendo caratterizzati da una base molto chiara, permettono all’azienda di mettere in risalto nome e logo. Pantone ha riproposto come colore dell’anno proprio una tonalità pastello: il verde menta.