Book Esperienziale, tra l’arte e la tecnica

Il book esperienziale nasce dall’incontro tra il know-how industriale di Tiburtini e il pensiero progettuale di Teikna Design e in particolar modo del suo direttore creativo Claudia Neri.

Partendo dal principio fino ad arrivare all’ultima pagina il book si presenta come una vera e propria esperienza sensoriale, per il tatto e per la vista, su carta. Grazie al virtuoso e notevole set di materiali tecnici Tiburtini è riuscita a realizzare un percorso per chi ne fruisce di sensazioni e scoperte, meraviglie e stupore, pagina dopo pagina.

Oltre ai materiali nobili impiegati nella costruzione del book, a colpire l’occhio dell’osservatore è anche il fattore estetico delle pagine. Le immagini sono prese da diverse correnti artistiche, vi sono quindi ora richiami all’arte rinascimentale ora a quella contemporanea con richiami all’hip-hot.

Lanciandosi in un continuum che abbraccia l’arte in generale, tenendosi lontani da una concezione di cultura alta e bassa ormai superata e retrograda, Tiburtini e Teikna Design hanno realizzato un book esperienziale capace di muoversi trasversalmente tra l’estetismo e la tecnicità. Senza tralasciare ironia e divertimento rendendo questa esperienza un gioco tra i diversi stadi della bellezza.

Nel book esperienziale troviamo anche le straordinarie opere floreali di Casagrande & Recalcati, esperti della rappresentazione figurativa, a cui è stata destinata la prima pagina di questo viaggio tra le meraviglie.

Tra le varie tecniche all’interno del book esperienziale troviamo la floccatura, una particolare tecnica capace di conferire ad oggetti, in questo caso alla carta, un particolare “effetto velluto”. Sorprendente al tatto e riconoscibile alla vista questo effetto adorna l’abito nel dipinto.

Floccatura su abito

Accompagnata da la vernice lucida spessorata, una verniciatura capace di nobilitare la carta rendendo alcune zone lucide e lasciandone altre opache, in base a cosa si decide di far risaltare nell’immagine. Nella figura di seguito si vede come questo effetto è stato realizzato per dare importanza alle parti del dipinto il luce, rendendo questa ancora più vivida all’occhio.

La stampa laser su carta invece permette di effettuare sulla superficie dei tagli seguendo una fantasia ripetitiva, ritagliando figure o intagliando dei semplici dettagli dove l’immagine ne richiede.

Per visualizzare altri contenuti su Book Esperienziale clicca qui.

Share:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su pinterest
Pinterest
Condividi su linkedin
LinkedIn